Cerca nel blog

lunedì 11 ottobre 2010

Nuova vita ad essenze naturali... il legno (parte 1)

Domenica, bellissima giornata, il sole scaldava parecchio e fuori si stava di un bene... Ed ecco che mi arriva quel pizzicorìo, come lo chiamo io. Proprio non ci riesco a stare senza far niente,  rilassarmi un pò, proprio no vero? 
Approfittando del fatto che la Vale sta facendo il riposino pomeridiano con la nonna e Christian se n'è andato col nonno nelle "Possion" (il nome antico di tratto di bosco qui vicino) per provare a tirare su un tronco col verricello che hanno sistemato.

Vogliamo vedere cosa c'è sotto quello strato di sporco e polvere?
Fase numero 1: lavaggio della vecchia cassapanca.


 spazzola, spazzola, vai di olio di gomito!!

...et voilà!
 adesso lasciamola asciugare! Legno di pino, niente di particolarmente pregiato e, badate bene, io non sono una restauratrice, non metterei mai le mani su un pezzo di pregiato valore, lascerei fare a chi è del mestiere.

Questa è una cassapanca fatta in modo semplice, a guardarla bene però è carina e bella robusta. Le cerniere sono forgiate a mano, le "gambe" sono sagomate in modo piacevole e il bordo del coperchio è rifinito.

Non c'è molto da fare, il listello che tiene unitele tavole del coperchio è staccato bisogna rinchiodarlo.


Una passata di antitarlo e un paio di mani di impregnante trasparente per risaltare le venature del legno.
I fianchi sono abbastanza usurati e la pecca peggiore è sul coperchio: una bruciatura nera forse causata da un vecchio ferro da stiro appoggiato sopra?


 Intanto qualcuno si è svegliato ed ha già trovato da fare...
 to be continued...


Questa invece è una vecchia madia che ho sistemato questa estate, con 3 scomparti interni, per farina o mangime. Qui si che c'è stato parecchio lavoro. Aveva un grosso strato di vernice collosa e marrone scuro...

Nessun commento:

Posta un commento


Translate

Post piu letti nell'ultima settimana

Qualche post dal passato...