Cerca nel blog

giovedì 4 novembre 2010

Lavoro in corso... a maglia

Eh già... Anche io knitto.
I rudimenti del lavoro a maglia mi sono stati trasmessi dalla nonna paterna da piccolina: avviare le maglie, punto legaccio, il dritto, il rovescio, aumentare, diminuire, chiudere...

Per la verità sono una principiante nel senso che, non mi cimento in cose complicatissime, preferisco i punti semplici.
Anche perché quando inizio una cosa vorrei vederla subito finita.


Ricordo di aver indossato l'ultima maglia fatta dalla nonna alle scuole superiori: un maglione verde smeraldo con due trecce che si aprivano a "V" sul davanti.
Poi invece si è dedicata alle coperte di lana: faceva tanti triangoli o quadratini con tutti gli avanzi di lana che racimolava e poi li cuciva tutti assieme, creando delle coperte coloratissime tipo "patchwork".
Nonostante i rapporti con la Nonna non siano stati molto buoni negli anni che hanno preceduto il suo ultimo Viaggio, questi ricordi mi sono molto cari, ma questa è un'altra storia...



 Per quanto mi riguarda invece, questo hobby è rimasto chiuso nell'armadio, assieme ai vecchi ferri traslocati con me dalla casa dei miei genitori quando mi sono sposata (nel lontano 2003).
La passione è ri-esplosa alla nascita di Valentina:
 un berrettino, un maglioncino, un poncho...
Appena ho un attimo due o tre ferri scappano sempre...

Adesso sto ultimando una giacchina (spero di finirla prima della fine dell'inverno o prima che la "petit" cresca troppo!!!)


Ho copiato il modello, aumentandone le misure, da un capo preso da una bancarella, avete presente quelle dei peruviani?
Realizzano dei capi bellissimi e coloratissimi, tutti ricamati con bellissimi disegni.

Sono indecisa sul collo, non so se fare il cappuccio o un collo normale.
Forse normale, faccio prima...


Si dice che lavorare a maglia sia rilassante e per me è vero,
che ti dia modo di meditare, anche questo è vero perché mentre le mani lavorano la mente vola...
Nel nostro caso sembra abbia effetto rilassante anche a chi mi sta vicino mentre lavoro, avete presente il rumore dello sferruzzare?

Ferri e gomitolo si possono portare facilmente ovunque e poi che soddisfazione a lavoro finito!




2 commenti:

  1. Hai ragione, secondo me creare in generale è rilassante, e che soddisfazione a lavoro finito! La giachina è veramente bella, tutta colorata ... io la finirei senza cappuccio, mi pare più pratica e meno ingombrante (senza contare che è più semplice da realizzare :) )
    buon fine settimana

    RispondiElimina
  2. Ciao! Infatti guarda ieri sera, mentre tutti dormivano di già, ho fatto un semplicissimo colletto. Adesso devo finire di cucire insieme i pezzi.
    La cucitura dei pezzi per me è la parte più difficile e noiosa.
    E poi ci metterò una pratica cerniera. Vedremo il risultato!! Buon fine sett anche a te! Speriamo nel bel tempo!!

    RispondiElimina


Translate

Post piu letti nell'ultima settimana

Qualche post dal passato...