Cerca nel blog

mercoledì 19 gennaio 2011

Paesaggi rurali storici per un catalogo nazionale

Paesaggi rurali storiciL'indagine, promossa dal Mipaaf getta le basi per il riconoscimento, la conservazione, la gestione dinamica dei sistemi di paesaggio storico e delle pratiche tradizionali.


Anche L'altopiano del Tretto (Schio - Vi) è presente nel catalogo nazionale.

http://www.reterurale.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/1

Il Catalogo testimonia l'importanza del paesaggio come una delle espressioni storicamente più rappresentative dell'identità culturale del Paese, ma anche il valore del paesaggio italiano nell'ambito del patrimonio culturale dell'Umanità, di cui oggi sembra in gran parte essersi persa la memoria.


L'Italia presenta un incomparabile patrimonio di paesaggi forgiati dall’uomo nel corso dei secoli, rappresentativi della molteplicità e della stratificazione delle impronte che tante civiltà hanno impresso nelle forme del territorio.
Essi costituiscono un’eccezionale ricchezza, espressiva dell’identità culturale e dell’immagine del nostro paese nel mondo, sottoposta a molteplici minacce, ma oggetto di un crescente interesse.

La ricerca d’identità e senso dei luoghi, espressa dalla domanda di paesaggio, esprime infatti un malessere più profondo, che ha certamente a che vedere con i processi di globalizzazione e coi loro effetti di omologazione e modernizzazione da un lato, di squilibri e diseguaglianze dall’altro: a quella domanda è necessario dare risposte.

 Affrontare il problema del paesaggio in tutta la sua complessità implica quindi una critica ai modelli di sviluppo consolidati, senza nessuna concessione a nostalgiche condizioni pre-moderne, o a una illusoria ricerca di una idea di un ambiente o di una natura sottratti ad ogni influenza antropica.
Per questo la moderna concezione del paesaggio non lo interpreta più come fenomeno esclusivamente culturale, ma piuttosto come il risultato dell’integrazione di fattori sociali, economici ed ambientali nel tempo e nello spazio, le cui migliori espressioni possono costituire un punto di riferimento importante per un diverso modello di sviluppo.

 Fonte:  Editori Laterza :: Paesaggi rurali storici

3 commenti:

  1. Tanti progetti per la difesa del paesaggio, poi si lascia l'ambiente a se stesso. l'agricoltura meccanizzata se non controllata crea problemi grandi: arature profonde, carico di terreno sui cigli e quindi frane, erba non tagliata e pericolo di incendi in estate, diserbanti, taglio dei boschi in inverno e strade di bosco logorate dai trattori, frasca lasciata a terra, ulivi leggi il mio pst......
    Ci sono zone a parco come la vald'Orcia e non vedi più un papavero.

    RispondiElimina
  2. Infatti, il mio post era puramente informativo ed esente da opinioni personali però la penso così anche io. Quello che viene fatto a protezione del paesaggio, ho visto con i miei occhi e fatto con le nostre mani, deriva da libera iniziativa e buona volontà del singolo. Tante carte e pochi fatti??

    RispondiElimina
  3. Ciao, so di essere fuori tema col post ... ma ho sperimentato la tua ricetta per il detersi da lavastoviglie, ne sono soddisfatta ... non potevo non fare un salto per dirti GRAZIE!!
    Buon fine settimana.

    RispondiElimina


Translate

Post piu letti nell'ultima settimana

Qualche post dal passato...