Cerca nel blog

giovedì 24 febbraio 2011

Foglia verde!!!

Un giorno dalla parrucchiera (non abituale) mentre ero "sotto i ferri"...




la Signora Parrucchiera (non so se la "categoria" si possa ancora chiamare semplicemente così) stava raccontando alla collega la sua disavventura con la figlioletta (4 anni).


La piccola aveva un tanto mal di pancia, già da qualche giorno, perchè non riusciva a "scaricare bene" e questo mal di pancia non è passato anzi è aumentato al punto di dover mollare tutto e correre dal pediatra urgentemente.


Il "pediatra della mutua" non era disponibile quindi è stata "costretta" a ricorrere ad un medico in privato dovendo spendere (si sa) Tot Euro per la visita. 


"E diamine!! Non ci sono mai disponibili quando servono 'sti dottori!!!" dice la mamma parrucchiera.


Poi finalmente la visita medica.


Diagnosi: forte, forte stitichezza (o stipsi che dir si voglia).


Cura: "Signora, dia da mangiare alla sua bambina verdure a foglia verde".


Commento della mamma parrucchiera al salone:


" Ma è possibile!!!! Solo questo! Non poteva darmi qualcosa (intendendo un farmaco o altro) da darle!!
In fondo non è colpa mia se vuole sempre mangiare solo pollo e patate fritte!!
La magna solo quelo!! " (trad.: vuole  mangiare solo quello!!)


5 commenti:

  1. Eh! Farmaci salva vita!

    Che vi vuoi fare?

    RispondiElimina
  2. Eh certo...non sia mai che spendiamo soldi per sentirci dire che i nostri figli stanno bene!!!!

    RispondiElimina
  3. che tristezza...
    hai ragione,non puoi chiamarla mamma parrucchiera,chiamala solo parrucchiera,che lei una mamma non sà nemmeno cosa sia...
    che tristezza...

    RispondiElimina
  4. mia madre avrebbe detto: "sono i genitori che rovinano i figli"!
    Ciao, se ti va passami a trovare.

    RispondiElimina
  5. Buffa, ma su questo tipo di persone i "rimedi naturali" non producono nessun effetto ... come mai?!
    Noi come famiglia facciamo un uso limitatissimo di medicine, preferiamo i prodotti naturali. In realtà spesso tendo a non usare nemmeno quelli, cerco di far "conososcere" il dolore ai miei figli, nel senso che per un mal di testa, per esempio, si può aspettare un attimo, guardare negli occhi il dolore, accettarlo, lasciarlo scorrere: è facile che così segua la sua onda e abbandoni il nostro corpo ... spesso funziona ... e non è una tortura come potrebbe sembrare ...
    Buon fine settimana.

    RispondiElimina


Translate

Post piu letti nell'ultima settimana

Qualche post dal passato...