Cerca nel blog

giovedì 17 febbraio 2011

Giocare con poco...


Colgo l'occasione per pubblicare un post che da un po' di tempo stazionava in "bozze"  agganciandomi al  post di Claudia de "La casa nella prateria".

Ecco qui Vale che gioca senza giocattoli.

Allora vi spiego:
questo vassoio in legno è un'invenzione di nonno Urbano per quando si fa la polenta fresca. Oggi faccio la polenta fresca (molle) per domani sarà solidificata e potrò tagliarla a fette perfettamente squadrate da abbrustolire o friggere (polenta "onta" che si fa dalle nostre parti).

Chiusa questa parentesi culinaria, quel giorno, così per caso...
si è trasformato in una fantastica pista improvvisata per noccioline, da far correre su e giù!




Ovviamente i giochi più belli senza giocattoli nascono all'aperto però non sempre si può specialmente in inverno.

Comunque la settimana scorsa siamo riuscite ad allestire la nostra prima casetta sull'albero.
Non proprio sull'albero perchè siamo ancora un po' piccolini per arrampicarci in alto così abbiamo costruito una bellissima villetta al piano terra fra lo spazio di 4 tronchi di giovani noccioli.

Con dei rami abbiamo fatto la porta e la finestra.


 Con due sassi, uno bello piatto, ecco il nostro tavolo.


Con tante noccioline prepariamo da mangiare, delle buonissime tisane alle erbe ed abbiamo un pretesto per imparare a contare...


Dietro di Vale c'è anche un lungo palo: naturalmente è la ringhiera (poggiolo) della nostra magnifica terrazza.


Ooooh, un guscio di chiocciola riempito dei primi fiorellini della stagione abbellisce il nostro tavolo!


La natura offre tantissimi giocattoli naturali, che non costano niente, che non inquinano e che hanno una versatilità limitata solo dalla... fantasia?

8 commenti:

  1. Questi "giocattoli" sono i più belli, non mi è mai capitato di vederli messi da parte perchè non interessano più o perchè ne è uscito un modello più aggiornato. Fanno volare la fantasia oltre e credo sia impossibile che questo non piaccia ai bambini.

    RispondiElimina
  2. eh eh eh!
    quelle sono nocciole selvatiche!
    nel mio paese siamo produttori di nocciole e quelle selvatiche mi hanno sempre affascinata!
    sono anche le migliori per gusto!
    comunque anche io ci giocavo tanto!

    RispondiElimina
  3. @ Emanuela : e poi se non ci giocano che importa, non ci stiamo neanche male per averli pagati magari un occhio della testa e ritornano al loro ambiente naturale o al loro utilizzo comune se si tratta di oggetti di casa! Meglio di così non si può!

    @ Luby: infatti le nocciole delle foto sono di 2 tipi diversi. Quelle più lunghe e strette a detta di Chris sono più saporite e gustose!!

    Metti un cesto pieno di noci e nocciole davanti ad un bimbo (dopo la fase "metto tutto in bocca") vedrai che divertimento!

    Quando Vale era più piccolina la appoggiavamo seduta dentro il cesto, che sgambettate: il rumore e il movimento la facevano impazzire.

    RispondiElimina
  4. il tavolino con i fiori ha un'aria così romantica!!! che belle le casette all'aperto...anch'io le facevo sempre...bastavano grandi cartoni e il gioco era...inventato!!!

    RispondiElimina
  5. ciao denise, bellissimo vedere la concentrazione nel far andare su e giù le nocciole...i bambini sono incredibili! penso che i giochi non giochi dimostrino il rispetto e la considerazione dei genitori verso i loro figli....un caro saluto

    RispondiElimina
  6. * Ti ho scoperta per caso e ti metto subito tra i blog che seguo per non perderti d'occhio
    * Se vuoi leggere, ascoltare favole inedite per bambini o vedere cosa si può fare con loro riciclando, riusando, creando... passa a trovarmi.
    Tante serene giornate
    nonnAnna

    RispondiElimina
  7. Immersi nella natura la fantasia dei bambini spazia senza limiti e "senza condizionamenti" consumistici che gli fanno desiderare cose inutili che altri vogliono lui desideri.
    Brava, brava e.... brava.

    RispondiElimina
  8. Ciao a tutti! Grazie per i vostri pensieri!

    @simoff: hai visto che concentrazione? E' bellissimo osservarli in queste situazioni. Perchè stanno facendo qualcosa che "loro" hanno progettato. Se si presta attenzione si sente il cervello che sta macinando, accumulando info, si cresce, si impara a risolvere...
    E poi è vero, è facile comprare un giocattolo ma se poi non ci giochi insieme tanto vale.

    @nonnAnna: benvenuta!! E poi vengo a trovarti sicuramente!

    @Semola: sacrosante parole! E grazie, grazie e ..grazie per il brava! Anche troppi dai ne bastava uno! Ciaooo!

    RispondiElimina


Translate

Post piu letti nell'ultima settimana

Qualche post dal passato...