Cerca nel blog

lunedì 4 aprile 2011

Bambini e bambole ma non solo...

Eh si, perché questo bel libretto non si può definire un
semplice manuale per far bambolotti.
Con semplici parole ti spiega che il gioco è imparare a vivere, imparare a fare, ad essere.
Bambini e Bambole di Karin Neuschütz
Una lettura facile, divertente e istruttiva.
Una chiarificazione sull'evoluzione del gioco durante la crescita, non solo del bimbo ma anche del genitore che a volte va un po' in confusione in questo campo, un po' perché ci dimentichiamo di essere stati bambini e fatichiamo a vedere con gli occhi e la mente dei piccoli ed ad agire di conseguenza.
Per crescere insieme con serenità.


Ecco la mia prima creatura da doll maker
in stile Waldorf seguendo le indicazioni del libro.

Per cominciare, ho scelto il modello con il corpo
ricavato da un unico pezzo lavorato a maglia

Dopo aver cucito la parte inferiore delle gambette
possiamo passare all'imbottitura
Ho imbottito con pura lana acquistata da Wollknoll
Con della maglina ho preparato le manine a la testa.
Semplice manina a pallina legata con fibra naturale
Qui sotto, non si vede, però sotto la maglina ho imbottito un pezzo di
vecchio collant di Valentina che poi ho legato,come spiegato ne libro, per
creare i lineamenti del viso.
Dei  bei capelli ricci con la lana Mohair Bouclé

Ecco a voi Rosetta.
Il nome scelto da Valentina per la sua nuova amica.

8 commenti:

  1. Rosetta è bellissima!
    A vedere le foto sembra facile ma in verità non lo è... penso io (che non ho mai fatto una bambola). A pensare bene mi piacerebbe fare una bambola con dei fili di lino.

    RispondiElimina
  2. Adoro le bambole home made!!!!!
    complimenti!!!!

    RispondiElimina
  3. Bella Rosetta!!! Sai che mi hai fatto pensare. Ho partecipato ad un Laboratorio "Genitori e Figli all'università" in cui uno dei temi trattati era appunto il gioco inteso come una vera necessità per i bambini. E ci hanno detto che per capire quanto sia importante il gioco per loro dobbiamo fare uno sforzo e cercare di ricordarci quando eravamo piccoli noi e quando il gioco era una necessità anche per noi...curioso il fatto che tu, con parole diverse, abbia ribadito quel concetto a distanza di pochi giorni!!!

    RispondiElimina
  4. La bambola è stupenda,sei stata bravissima!grazie per le foto e la spiegazione chiara così posso provare anche io...

    RispondiElimina
  5. è molot bello, l'arte di sapere fare è un bene prezioso

    RispondiElimina
  6. Veramente bellissima e se vuoi passa da me cè qualcosa per te...ciao

    RispondiElimina
  7. Ciao ho trovato questo blog ed in particolare questo post girovagando qua e la' cercando notizie sulle bambole Waldorf.... mi piacciono tanto queste bambole e le confeziono anch'io anche se non ho bimbi piccoli a cui donarle..e mi piace anche il pensiero educativo che sta dietro la costruzione di queste bambole...
    Seguiro' il tuo blog e accettero'ben volentieri consigli...
    P.s. il mio blog si chiama bamboleenonsolo... che coincidenza ..
    a presto
    Patri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Patri! Piacere di conoscerti! Passo subito a vedere il tuo blog!!

      Elimina


Translate

Post piu letti nell'ultima settimana

Qualche post dal passato...