Cerca nel blog

martedì 12 aprile 2011

Un pezzettino alla volta si fa l'orto...

Queste immagini si riferiscono circa ad una decina di giorni fa, a prima del caldo estivo ed anomalo che ha caratterizzato i giorni della scorsa settimana.
Questo è il nostro orticello di quest'anno, primo esperimento di orto sinergico e permacultura.
Misurato "a passi" saranno circa 60mq.
Quattro aiuole (bancali) disposti nord-sud lunghi circa 4 metri e una "di testa" est-ovest per la lunghezza delle altre.
Nella prima aiuola sono stati seminati piselli bassi a fila e piantato bulbi di cipolle tutto attorno: seguendo la logica della consociazione spiegata qui .
Nella seconda vi saranno pomodori consociati con basilico e porri.
Nella terza ci sono i fagioli
Nella quarta, questa più vicina, carote consociate con cipolle borretane.
Qua e la ho seminato inoltre file di bieta, spinacio, sedano rapa, rape rosse.
L'aiuola alta sarà destinata alle zucchine e poi vedrò lo spazio che rimane.



Sono allo studio tipi di sostegni "naturali"per le piante di pomodoro. Forse con bacchette di nocciolo? Si accettano suggerimenti.
Nell'orto sin. "da manuale" sarebbero previsti tondini di ferro (quelli per opere murarie) disposti ad arco sopra le aiuole come qui  .
Come sostegni fissi e non annuali.

Le patate sono una coltivazione esclusiva del Nonno Urbano e quindi sono state piantate a parte in modo tradizionale.
Questo territorio è rinomato per la bontà delle patate, e quindi c'è tradizione e una forma di cultura al riguardo, praticamente ogni anno la loro coltivazione e raccolta sono fonte di confronti e chiacchere tra vicini di orto.
Del tipo:
"Quest'anno quante ne pianti? Di che varietà? Quando? Con che luna? Sono state mangiate dai parassiti?
Come è andato il raccolto quest'anno? Oh guarda, lui le ha già raccolte, allora le raccolgo anche io, come sono? Piccole, grandi, sane ... 

Il Nonno, inoltre, guarda con un certo scetticismo al "mio" nuovo orto, non rischierebbe mai le patate per questo "strano esperimento"!



Questo è un particolare dell'impianto di irrigazione fisso che abbiamo realizzato e già fatto vedere qui.
Ho messo giù un paio di piantine di calendula nota per le sue proprietà antibatteriche nonchè per i suoi utilizzi nella preparazione di creme e pomate, ed in cucina.

Anche nei sottoboschi e nei prati incolti si nota la pacciamatura ad opera della Natura stessa.
L'idea di preparare un orto pacciamato è stata quasi improvvisa, quindi quest'anno non sono preparata con scorte di materiale accantonato per questo scopo.
Mi sono arrangiata raccogliendo erba secca lasciata a terra dagli ultimi sfalci nel prato vicino.
Durante questa operazione "qualcuno" si è divertito un sacco!
Ricordo che gli scopi principali della pacciamatura sono:
mantenere umido il terreno d'estate e più caldo d'inverno,
limitare la crescita delle spontanee,
fertilizzare il terreno (dalla decomposizione naturale),
protezione del suolo dalgli agenti atmosferici erosivi.  
Un'altra immagine dei tubi per l'irrigazione.
Tutti i pezzi di tubo che attraversano i camminatoi e fuori dall'orto sono stati sotterrati per non essere di intralcio ed anche perchè sono un pò brutti da vedere.
Questa è la fontanella realizzata da Nonno Urbano sempre con l'intento di ridurre l'impatto visivo su paesaggio. Troppi tubi, ferro o altro non sarebbero un gran bel vedere qui nel campo.
Prossimamente vi mostrerò la staccionata di pali di castagno già parzialmente messa in opera da Christian.
La "pulizia" del bosco oltre a legna da bruciare ha fornito anche legname "da opera" per la recinzione dell'orto  e per la realizzazione della casetta degli attrezzi.

Sono in previsione abbassamenti drastici di temperature, speriamo non un ritorno improvviso di inverno.
Certo, il caldo dei giorni scorsi era veramente esagerato, che ci vuoi fare la Primavera è una tipa un pò pazzerella.

8 commenti:

  1. Che bello mi piace da matti il post davvero ben fatto..:D...posso imparare ma peccato che nn posso fare cm te x l'irigazione sarebbe stato troppo bello...:D...complimenti davvero

    RispondiElimina
  2. Che bello il vostro orto e che invidia! noi stiamo disperatamente cercando una casa con un po' di giardino perchè io sono proprio inadatta all'appartamento...
    Ti seguo perchè mi sei proprio piaciuta!

    RispondiElimina
  3. Che bella foto con i fiori nell'orto (ho visualizzato in grande). Si vede persino la rugiada!

    RispondiElimina
  4. inizialmente ho pensato a una sana invidia ma so anche c'è tanto lavoro dietro un orto, quindi buon lavoro, faccelo vedere crescere se ti fa paicere

    RispondiElimina
  5. voglio un orto vero anche iooooooooooo!!!!!
    per ora tutto in terrazzo...

    RispondiElimina
  6. @ Nevelinadelorto: grazie!! Infatti per l'acqua siamo molto fortunati. Immagino farai raccolta di acqua piovana?

    @ Ester: ti augura di cuore di trovare una bella casetta con anche un piccolo fazzolettino di terra. Meglio una casa piccola ma con spazio fuori: questa è la mia opinione! Adesso viviamo in appartamento anche noi, speriamo di trasferirci presto vicino al nostro orto.

    @ Tatiana: ho visto le goccioline, sono andata a guardare, hai ragione!

    @ Carmine: si c'è lavoro, ma quando è un lavoro che ti piace non pesa affatto anzi!!

    @ Luby: anche io prima facevo in terrazzo quello che potevo: pomodori, lattuga, fragole anche adesso non mancano salvia, rosmarino, prezzemolo, una pianta di limone, I miei terrazzi sono pieni di piante e fiori per lo più rustiche e perenni, non potrei stare senza anche se comportano lavoro e bisogna tenere pulito perchè sei in appartamento!

    RispondiElimina
  7. Che bellezza il carico della tua cariola ...

    RispondiElimina
  8. Che meraviglia e che senso di libertà che traspare da queste foto, complimentissimi e in bocca al lupo per la coltivazione.

    RispondiElimina


Translate

Post piu letti nell'ultima settimana

Qualche post dal passato...