Cerca nel blog

martedì 7 giugno 2011

Il polipodio

Passeggiando al limitare del bosco facilmente s'incontra questa piccola felce è il polipodio (Polypodium vulgare L.) oppure felce o radice dolce.
Possiede molti nomi popolari in base alla zona in cui ci si trova.


Generalmente cresce attorno alla base di alberi di latifoglie (in questo caso si trattava di faggi).
Le sue radici affondano sotto il tappeto muschioso, tra edere e foglie secche.
Il rizoma del polipodio ha un sapore dolciastro simile alla liquirizia e si può masticare o mangiare.
Ha un effetto dissetante e lascia un buon sapore in bocca.


Qui lo vedete dopo che l'ho pulito dalla terra con un coltellino e bagnato con un pò d'acqua.


La tradizione popolare attribuisce al polipodio effetti di lassativo leggero, adatto ai bambini e alle persone anziane, perchè non irritante e di favorente nei processi digestivi.


Lo scorso anno abbiamo messo alcuni pezzetti a macerare dentro la grappa bianca. Dopo qualche tempo la grappa si colora d'ambra e acquista sapore di liquirizia. Ottimo "cicchetto" dopo caffè.

3 commenti:

  1. Anche in Toscana ne troviamo molte nelle zone umide lungo i torrenti.
    Bellissime sono nella Valle dei mulini nel comune di Vinci a poche decine di metri dalla casa natale di Leonardo.

    RispondiElimina
  2. Interessante ..... sabato Semolagions alla ricerca del Polipodio perduto.
    Speriamo di non sbagliare con uno "troppo lassativo".

    RispondiElimina
  3. He, he, caro Semola questi sono i rischi del mestiere! Comunque non dovresti sbagliare. La felce è piccolina non è quella che viene alta anche un metro. Buona fortuna!

    RispondiElimina


Translate

Post piu letti nell'ultima settimana

Qualche post dal passato...