Cerca nel blog

martedì 28 giugno 2011

Rispetto per l'acqua "di tutti"

Con l'estate mangiamo più spesso ortaggi crudi. Prima di giungere sulle nostre tavole, a meno che non si acquistino ortaggi pre-lavati e confezionati, cosa che sconsiglio vivamente, le nostre verdurine subiscono la fase del lavaggio. Durante il procedimento l'acqua consumata è davvero tanta.
Chiuso il tappo della vasca del lavello, per lavare un paio di ceppi di insalata, in pochi secondi, questa si riempie di litri e litri d'acqua.

Lavare gli ortaggi è importante sia per quelli acquistati che per quelli dell'orto.
Le verdure "di negozio" normalmente sono molto pulite ma necessitano di un lavaggio purificante.
La sottoscritta utilizza essenzialmente il bicarbonato, niente amuchina o simili perchè mi sembra di mangiare anche il disinfettante.
Per le verdure dell'orto basta solo acqua, per togliere il terriccio, in quanto prive di qualsiasi pesticida o altro.

Proprio quest'acqua che, in fin dei conti si può dire pulita, finisce ad annaffiare le piante ornamentali, le aromatiche o piccoli ortaggi in casa e sul balcone.

 

Costa veramente poca fatica, si risparmia e soprattutto ci si rende conto di quanta acqua si spreca.
Provare per credere.
Vedrete quanti annaffiatoi da 12 liti riempirete!

2 commenti:

  1. giusta osservazione e meraviglioso consiglio!
    bravissima!

    RispondiElimina
  2. Anche noi lo facciamo,poi per innaffiare l'orto usiamo una sorgente che ha un deposito e ne consumiamo quella che produce senza mai abbassarla di livello.

    RispondiElimina


Translate

Post piu letti nell'ultima settimana

Qualche post dal passato...