Cerca nel blog

mercoledì 24 agosto 2011

Silene vulgaris




E’ un’erbacea perenne, che può raggiungere fino i 60 cm d’altezza, se trova le condizioni  ideali.
I fiori sono arrotondati e rigonfi, come un grosso calice.
E’ diffusa nei prati, pascoli e terreni incolti. Non ha proprietà medicinali.
Quando è giovane la pianta è commestibile e usualmente utilizzata per preparare deliziose minestre, risotti o frittate, oppure può essere stufata e mescolata con altre verdure di campo.
Qui comunemente si chiamano schioppettini perché i panciuti calici floreali, se ancora chiusi e sbattuti sul dorso della mano o in fronte esplodono come un palloncino, con un piccolo scoppietto,  è una cosa simpatica che si fa con i bambini.
Mai provato?




4 commenti:

  1. Da noi si chiamano "Sgrinzoi" o "sgricioloni" per il rumore che fanno le foglioline che si raccolgono in primavera prima che fioriscano. Buonissimi!

    RispondiElimina
  2. Da noi si chiamano "strigoli"e ancora quest'anno non ne ho visti! l'anno scorso eravamo pieni...vedremo più in la con questa pioggia se spuntano

    RispondiElimina
  3. Da noi si chiamano "strigoli" ma quest'anno ancora non ne ho visti...spero che dopo queste pioggie spuntino perchè l'anno scorso era pieno il campo!

    RispondiElimina
  4. da nojaltri nell'alto trevigiano, a vittorio veneto, verso belluno, le ciamen ZIMOE :)

    RispondiElimina


Translate

Post piu letti nell'ultima settimana

Qualche post dal passato...