Cerca nel blog

giovedì 17 novembre 2011

Nocciole caramellate

Le nocciole stazionavano già da un pò di tempo nella ciotola, nessuno le mangiava e non mi andava certo di buttarle.
Così una sera ho deciso di sgusciarle tutte, per tostarle e poi mi è venuta l'idea di caramellarle e di metterle in un barattolo di vetro per mangiarle, così, proprio come bon-bons.

In effetti il barattolo non è servito perchè entro la matttina successiva erano già finite, ma solo per lasciare il posto alle nostre noci ovvio!

 

La prossima volta vorrei provare a fare un croccante, voi avete mai provato?


3 commenti:

  1. io lo faccio così

    Ingredienti
    300 di mandorle o nocciole
    2 cucchiai d'acqua
    350 di zucchero
    2 cucchiaini di succo di limone.

    Preparazione
    Sbollentare le mandorle o le nocciole buttandole nell'acqua bollente e lasciarle per un paio di minuti, dopodichè pelarle, tamponarle con della carta assorbente e disporle su una placca da forno e infornarle a 180° per 5 minuti appena, affinché si tostino senza  però scurirsi.

    Intanto versare in una casseruola lo zucchero insieme all'acqua e al succo di limone, e fare sciogliere a fuoco lento, girandolo ogni tanto con un cucchiaio di legno.

    Lo zucchero dovrà sciogliersi completamente fino a diventare di un bel colore biondo: fare attenzione a che non diventi mai scuro. Intanto tritare grossolanamente una parte delle mandorle, lasciando intera invece un'altra metà.

    Quando lo zucchero sarà pronto, spegnere il fuoco, e versare nella casseruola le mandorle e continuare a girare per amalgamare bene il tutto.Versare immediatamente il composto su un piano di marmo unto d'olio, o su di un foglio di carta oleata (o carta forno) posto in un teglia.

    Livellare bene il composto per dargli lo spessore desiderato aiutandosi con una spatola unta o con la lama di un coltello o ancora, pressandolo con con un limone che sprigionerà così tutto il suo aroma. Lasciare raffreddare qualche minuto e prima che si solidifichi del tutto tagliarlo a pezzettoni o a barrette con un grosso coltello; infine lasciarlo indurire.

    P.S.
    Solo quando il croccante sarà ben freddo si potrà conservare avvolgendolo nella carta stagnola e riporlo in scatole di latta o in vasi di vetro con il coperchio. Attenzione! Con il caldo lo zucchero caramellato tende a sciogliersi, per cui tenere il croccante in un posto molto fresco e asciutto.

    Consiglio
    Prima di tagliare il croccante se ci strofini sopra un limone o un arancia interi, sia per livellarlo meglio, sia perchè la  buccia degli agrumi rilasci un gradevole aroma sul dolce.

    RispondiElimina
  2. Wow!!! Assolutamente da provare!! Grazie mille nonna giovanna per la tua ricetta! Mi ispira in particolare il sistema di livellamento con l'agrume che lascia l'aroma....Mmmmm

    RispondiElimina
  3. Ehi Denise... tu prova la ricetta, io verrò ad assaggiare!
    Baci.
    Francy

    RispondiElimina


Translate

Post piu letti nell'ultima settimana

Qualche post dal passato...