Cerca nel blog

giovedì 8 marzo 2012

Prove di intreccio!

Ad una festa di paese, di quest'inverno, un signore, con il suo bel banchetto, intrecciava  bellissimi cestini di ogni tipo e forma...

Secondo voi potevo io non provare?
Ovviamente no!
Quindi ecco qui il mio primo tentativo di intrecciare una piccola gerla o forse più cornucopia.
Da appendere ad una parete magari con un bel mazzo di fiori secchi.


Ho testato differenti tipi di vegetali:
polloni di nocciolo
polloni di sanguinella
edera

L'imboccatura non è risultata molto simmetrica 



Come si fa?
Innanzitutto ci si procura la "materia prima" quindi, come dicevo, si possono utilizzare diverse "fibre vegetali"
di cui ogni zona avrà più o meno diffusione.
L'intreccio si esegue quando le fibre sono ancora verdi e quindi elastiche alla piegatura.

Per realizzare una cornucopia come questa serve una base dove infilare i primi "tralci" per la struttura.
Quindi una panchetta o, come vedete qui sotto, un ceppo su cui si dovranno fare dei buchi (3 in questo caso) con il trapano.

Si inizia con tre verghe appunto, e poi se ne aggiungono altre, a seconda della grandezza desiderata, sempre in numero dispari.
Durante l'intreccio di cerca di fare attenzione alla sagomatura della struttura, questa è la parte più difficile.
Ci si può aiutare con una sagoma fatta con dei bastoncini legati assieme con dello spago.

Infine si intrecciano anche le verghe verticali.


Ovviamente la mia è una spiegazione molto sommaria.
In rete si trovano alcuni video abbastanza chiari per diversi tipi di cestini, più bello però sarebbe andare a lezione da qualcuno che li fa!


14 commenti:

  1. anche noi abbiao fatto una serata per imparare la tecnica dell'intrecciare.... partendo dalla gerla!
    per caso avete imparato da Renzo e Luigina? hanno un'azienda a Posina... che bello usare la natura e tutti i suoi colori

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Veramente mi sono buttata e ho provato a fare da sola! Ah, interessante, bella Posina vero? Un piccolo paradiso, in una valle isolata, che ha sofferto dell'abbandono in passato ma che secondo me merita tantissimo! Non conosco questa coppia di signori, mi informerò! Grazie!

      Elimina
    2. Magari quel signore che intrecciava era proprio il sig. Renzo, purtoppo non ci siamo presentati!!

      Elimina
    3. la loro azienda agricola a Posina si chiama Castelmatto e con i loro prodotti rigorosamente naturali tipo nocciole, patate, fagioli e confetture.... (buonissime) partecipano ai mercatini.... per questo te lo chiesto! e naturalmente intreccia!

      Elimina
    4. Grazie delle info! Potrebbe essere interessante conoscerli!

      Elimina
  2. bella, bellissima...anche a me è rimasto sempre il fatto di provare...proverò!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai cosa, trovare finalmente il tempo per provare a fare qualcosa che desideriamo da tanto a volte da più soddisfazione che non fare la cosa stessa. Il tempo purtroppo è diventata la cosa più preziosa!!

      Elimina
  3. A me sembra bellissima!

    p.s.Volevo ringraziarti: grazie ai tuoi suggerimenti abbiamo la nostra prima spirale d'erbe!!!
    ...(se vuoi dare un'occhiata passa da me!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Arrivo subitooo! E grazie a te! E' bello sentirsi utili!

      Elimina
  4. che meraviglia! chissà che soddisfazione vedere il prodotto finito!

    RispondiElimina
  5. Molto interessante, ma per ora i cestini li passo perché non ho tempo di fare nemmeno i progetti già cominciati! MAgari tra qualche anno, non si sa mai...

    RispondiElimina
  6. Mi hai fatto venir voglia di provarci....
    rancesca

    RispondiElimina
  7. Bello, io intreccio la carta riciclata !....

    RispondiElimina


Translate

Post piu letti nell'ultima settimana

Qualche post dal passato...