Cerca nel blog

giovedì 31 maggio 2012

A lezione nell'orto!

Maria Montessori diceva che i bambini amano il lavoro, ma non in quanto tale, o meglio, come lo consideriamo noi adulti.
Piuttosto in quanto attività per imparare.
Un tipo di attività libera da coercizione, totalmente spontanea, purchè siano messi a disposizione gli strumenti.
Tutti sappiamo che spesso quando un bimbo vede un adulto fare qualcosa scatta la sua volontà di imitare.

Da questa evidenza scaturisce l'importanza delle attività pratiche nella filosofia di apprendimento montessoriana.

Fare.


Ed è per questo che è bellissimo avere accanto delle persone e vivere delle situazioni che, in modo del tutto naturale, permettano questo semplicissimo tipo di apprendimento.

In questo specifico caso, illustrato qui sotto, lo strumento è la zappetta a misura di bambino
la situazione, il nonno che zappa le patate del campo.

Spiega,
mostra,
e poi lascia fare,
senza intervenire.

L'impegno e la serietà nel "fare" per quei 5-10 minuti di attività sono al massimo.



7 commenti:

  1. Bravi! anche Munari nei suoi labo diceva così! quanto è vero.... almeno per me nella mia esperienza.

    RispondiElimina
  2. Che fortuna ha la tua bimba!!!Poi non c'è cosa più bella dell'insegnamento da parte dei nonni.Resterà un bellissimo ricordo della sua infanzia.

    RispondiElimina
  3. sono d'accordo io oggi ricordo ancora quando mio padre mi faceva vedere come si faceva l'orto sembrava nulla ma sono cose che ti rimangono sempre

    RispondiElimina
  4. Condivido questa riflessione sul lavoro e sui bambini. Ci sono tanti modi per insegnare le bellezze della vita e il rispetto degli esseri umani. Il lavoro, calibrato in base all'età e alla funzione educativa, può essere uno strumento per insegnare ai bambini le loro potenzialità.

    RispondiElimina
  5. Ciao,

    in effetti il lavoro prima di essere una maledizione o una benedizione è ciò che il cuore e la mente dell'uomo ne fanno.

    Ho imparato che molto del peso o della leggerezza di un lavoro dipendono da come io guardo al lavoro: io al suo servizio o, in fondo, egli al mio servizio.

    A volte è tutto lì.

    Vedere bambini alle prese con la campagna è di una tenerezza disarmante, sono loro i più vicini alla terra.

    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero sono loro i più vicini alla terra e privarli di essa secondo me è il più grande delitto. Sarebbe bello "da grandi" potersi ricordare le sensazioni e impressioni provate da piccoli, invece dimentichiamo troppo presto, ma credo che se ci sforziamo a cercare dentro di noi qualcosa troviamo ancora o comunque possa l'impronta del passato, almeno un pò, a segnare il futuro.

      Elimina
  6. PROPRIO COSI! A casa nostra tutte le cose funzionano così ed ora condivido questo post con i miei amici! Grazie, per averlo scritto, pur mostrando con le foto ;)

    RispondiElimina


Translate

Post piu letti nell'ultima settimana

Qualche post dal passato...