Cerca nel blog

venerdì 28 dicembre 2012

Sacco nanna per neonati a maglia

E vai di lavori a maglia!
Con una bimbina che nascerà in teoria fra un paio di settimane in pieno Inverno questo potrebbe tornarmi molto utile.
Qui potete trovarne le istruzioni  per realizzarlo, è molto facile.
Mi raccomando però di rispettare il desiderio di chi ha gentilmente offerto il modello per realizzarlo.

Nelle foto potete osservare il davanti, il retro e vari modi di piegare il sacco-copertina.

Ho utilizzato lo stesso tipo di lana del berretto da elfo, molto, molto morbida.
Precisamente è questa qui.








sabato 22 dicembre 2012

Arrivederci Autunno!

Benvenuto Inverno!!
Almeno sul calendario ovviamente, poi è tutto da vedere.
Lo scorso anno, è stato un inverno troppo caldino, almeno nella prima parte per essere definito tale!
Ha nevicato praticamente niente!
Chissà cosa ci aspetta.
Io spero sempre che nevichi: è importante.



Nel frattempo l'orto ha continuato e prosegue donarci i suoi frutti.
In questo caso grazie al lavoro di mio suocero che ogni anno trapianta circa un centinaio di radicchi di diversi tipi.
Nonché vari tipi di Crucifere che fanno tanto bene!
Insomma verdure di stagione a gò-gò!!



giovedì 20 dicembre 2012

Maglia-abito per bimba a maglia

In questo periodo ho un pò di tempo in più per lavorare a maglia, o meglio, per imparare a lavorare a maglia, sperimentare nuovi punti, provare a creare qualcosa.
Spesso cerco ispirazioni di qua e di là, molto più spesso parto da un'idea di qualcosa che mi serve o mi piacerebbe e provo a realizzarlo.
Come in questo caso.
Ho sperimentato questo semplice punto traforato, potete trovarne le istruzioni  qui, si tratta del punto traforato a dritto, è uguale da entrambi i lati del lavoro.



Ho realizzato un rettangolo uguali usando questo filato morbidissimo e caldissimo. 
Poi ho chiuso le maglie del rettangolo e ho pensato un pò sul da farsi.
Infine ho tirato su lo stesso numero di maglie del rettangolo e le ho lavorate a costa 1:1 per realizzare un corpetto tipo salopette.
Le misure le ho prese direttamente dalla modella e si possono aumentare o diminuire a piacimento. La gonna con questo punto traforato è estremamente elastico e anche il corpetto a coste si adatta al fisico.
Il vantaggio è che questo abitino può essere usato come maxi maglia oppure come vestitino per una bimba più piccola.


Ho rifinito il bordo in alto a punto festone e applicato due bottoni  in legno che abbiamo fatto noi!


Se fosse della mia taglia, me lo metterei, è così morbido e caldo!!!!

lunedì 17 dicembre 2012

Questo Natale fai un regalo selvaggio!

Questa potrebbe essere un'idea originale per un regalo, un regalo utile, adottare una specie!
Si, avete capito bene proprio una specie cioè migliaia di animali di una certa specie a rischio di estinzione causata principalmente e ovviamente da comportamenti scorretti dell'uomo, che portano alla riduzione dell'habitat naturale e all'alterazione della catena alimentare ma non dimentichiamoci del bracconaggio e dei traffici illeciti.
Non  avrei mai pensato a questa possibilità, invece il WWF in questo periodo ci dà la possibilità di regalarci o regalare questa opportunità.
Come?
Innanzitutto il WWF ha individuato 13 specie, a maggior rischio, su cui interviene a loro protezione già da anni in diverse parti del mondo.
Possiamo andare semplicemente sul sito cliccando adozioni e scegliere la nostra preferita.
Il tipo di adozione più semplice prevede l'invio di una lettera di Fulco Pratesi assieme ad una borsa del WWF, la scheda descrittiva della specie scelta con le sue caratteristiche, la geolocalizzazione e le minacce a cui purtroppo è sottoposta, un certificato personalizzato e il planisfero dove si possono vedere come sono sistruibuite le adozioni nel mondo.
Trovo carina l'adozione con peluches perchè spesso ai bimbi doniamo come pensierino un pupazzo. In questo caso oltre ai documenti per l'adozione questa adozione include un tenero "rappresentante" della specie che abbiamo scelto di proteggere. Oltre al gioco credo che in questo caso "passiamo" anche un bel messaggio ai piccoli.
Inoltre i peluches del WWF sono realizzati con componenti non tossici, rispettano le normative vigenti e sono realizzati tutti senza PVC, non solo quelli destinati ai bamnbini sotto i tre anni come previsto dalla nornativa attualmente in vigore!
Se l'adozione è un dono si può scegliere di spedire al nostro caro una mail che preannuncia il suo arrivo alla data scelta: anche il 25 Dicembre!!
La spedizione avviene tramite corriere, è totalmente a carico WWF ed è tracciabile.
ADOTTA ENTRO IL 20 DICEMBRE per una spedizione più rapida!

adozioni

Articolo sponsorizzato

sabato 8 dicembre 2012

Autoproduzione cosmetici: il mascara

Mascara deriva dallo spagnolo (o italiano?) e significa, abbastanza ovviamente: maschera ed è un cosmetico per le ciglia , per colorarle, per allungarle visivamente, per identificarle meglio e si applica generalmente con una spazzolina apposita.

Il primo mascara sembra essere stato inventato da un chimico-farmacista, certo Williams, per sua sorella ed era composto semplicemente da polvere di carbone e vaselina.

Tecnicamente il mascara è un'emulsione colorata.
L'emulsione è una miscela tra una fase acquosa (acqua, idrosol) e una fase oleosa (olio, burro) stabilizzata da un emulsionante ( es. cere emulsionanti).

Quindi semplicemente la composizione è:

Fase acquosa + Fase oleosa + Emulsionante + Pigmento colorato

+ sarebbe importante la presenza di un conservante.


martedì 4 dicembre 2012

Grassi e oli

Chimicamente oli e grassi vengono considerati "grassi acidi".
I grassi sono notevolmente ricchi come fonte energetica per il  nostro corpo.
Esistono olii e grassi definiti "essenziali" perchè contengono vitamine (vitamina E, F ecc.) e sono chiamati  così perché il nostro organismo non è in grado di sintetizzarli.

Nell'attuale società però si sentono spessissimo discutere dei problemi di salute legati ad una dieta ricca di grassi e olii.

Però il problema dev'essere specificato meglio.

Nei grassi e negli olii esistono chimicamente 3 tipi di grassi acidi:
  • gli acidi grassi saturi: pericolosi per la salute
  • gli acidi grassi mono-insaturi (non pericolosi e possono contenere vitamine)
  • gli acidi grassi poli-insaturi (non pericolosi e possono contenere vitamine)
I primi sono presenti nella gran parte dei grassi animali, nella margarina,nei grassi di pasticceria, mentre i grassi insaturi sono tipicamente presenti negli olii vegetali spremuti a freddo. Sono presenti in molti semi di piante ed anche in alcuni animali (salmoni, aringhe),

Questi tipi di grassi sono vitali per i muscoli e per la loro funzione di produrre energia, ma controllano anche la coagulazione del sangue,controllano l'ormone che segnala al cervello che siamo sazi (Colecistochinina), mantengono in salute i nervi motori e sensoriali, mantengono la pelle sana, riducono la pressione alta.

Generalmente l'olio più consumato, specie qui in Italia, è l'olio extra-vergine di oliva e sarebbe importante che fosse, realmente, extra vergine, ma molto spesso, purtroppo, è adulterato e venduto come extra vergine anche se il realtà non lo è.
E' importantissimo per il contenuto di VITAMINA E.
Curiosità: soltanto l'olio extra vergine vero a temperature inferiori a zero gradi centigradi gela completamente mentre quello adulterato tende a formare "palline" di disomogenea congelatura.

Mentre l'olio di semi di Lino, spremuto a freddo, e importantissimo per la presenza di VITAMINA F, che manca nel'olio extra-vergine di oliva.  Questo olio però non deve mai essere fritto ma consumato solamente crudo.

Ma ci sono ancora altri olii dalle importantissime caratteristiche in fatto di contenuto di vitamine di cui però in genere non facciamo uso abituale, come per esempio l'olio di mandorle.

Un'interessante tabella sulla percentuale di vitamine contenute negli olii la potete trovare nel libro 
Diventa medico di te stesso di Giuseppe Nacci - Editoriale Programma

da cui ho tratto fonte per scrivere questo post.

La mia ricerca personale sul mangiare più sano e meglio ormai si è fatta quasi quotidiana. In famiglia non riusciamo più ad acquistare e scegliere la fonte del nostro nutrimento ad occhi chiusi perciò tentiamo di informarci meglio che possiamo.

Un consiglio di lettura:
Diventa Medico di Te Stesso
Versione nuova

sabato 1 dicembre 2012

Il cioccolato che fa...bene!

Il Cioccolato che fa Bene! - Libro

Senza l'uso di latticini e zucchero - 60 deliziose ricette per gustarlo senza preoccupazioni


 La chimica unica del cioccolato, il suo sapore e la sua capacità di agire sui sensi lo hanno reso uno dei cibi più popolari negli Stati Uniti e nella cultura occidentale in generale. Gli americani consumano, in media, 5,3 chili di cioccolato a testa ogni anno.
Qualsiasi mistero si nasconda dietro tutto ciò, non c’è fine alla dirompente rinascita del cioccolato. Il consumo di cioccolato nel mondo sta aumentando al ritmo del 3-4% all’anno! La Svizzera è la prima al mondo come consumo arrivando a circa 10 chili a testa all’anno. I norvegesi e gli inglesi sono al secondo posto, con un consumo medio annuale di 9 chili a persona. Subito dopo vengono i belgi, gli olandesi, i tedeschi e gli austriaci, che ne mangiano più di 7 chili l’anno. Il consumo annuale di cioccolato in Giappone, invece, è di soli 1,5 chili.
La cultura occidentale si è innamorata di questa sostanza così piacevole. Anche se per molti di noi non è altro che un appuntamento al buio. Infatti, dopo tutto, cos’è il cioccolato? Chi è che sa da dove viene? L’obiettivo di questo libro è proprio quello di ricongiungere il cioccolato al suo sacro spirito, quello spirito selvaggio dal quale ha tratto origine, l’energia pura del cacao, “il cibo degli dei”.
Tutto il cioccolato è fatto col cacao, seme del frutto di un albero della giungla! Per tanti di noi la provenienza del cioccolato resta un mistero. C’è come una nube attorno all’intero processo che trasforma un frutto in cioccolato. Questo è il momento di dissipare tutte le ambiguità che circondano il cioccolato per mettere a nudo, di fronte al mondo intero, il suo vero significato
Questo libro nasce dalla collaborazione tra David Wolfe, considerato il guru dell'alimentazione negli Stati Uniti, e Shazzie, la consulente alimentare più all'avanguardia di tutta l'Inghilterra. 
Le proprietà del cacao


Indice del libro
Introduzione
  • David e Shazzie
  • Le proprietà del cacao
  • PARTE I – IL CACAO
  • PARTE II – PROPRIETA' SCIENTIFICHE DEL CIOCCOLATO
  • PARTE III - LE PROPRIETA' ESOTICHE DEL CIOCCOLATO
  • PARTE IV - L'ALCHIMIA DEL CIOCCOLATO 
A chi non piace il cioccolato?
ho ricevuto questa newsletter qualche giorno fa e ho pensato che potrebbe essere un'idea carina e poco dispendiosa per un pensierino di Natale magari accompagnata a della... cioccolata?

Translate

Post piu letti nell'ultima settimana

Qualche post dal passato...