Cerca nel blog

venerdì 13 dicembre 2013

Abbasso la TV e ora ancor di più!

A riprova di quanto letto ieri  in questo articolo,
nel periodo pre-natalizio abbiamo deciso di non accendere la tele.
Il bombardamento mediatico pubblicitario è ancora più opprimente del solito, non si può sopportare!!
E, orrore, si fa martellante soprattutto nei canali per i bambini!!!


L'influsso molto positivo di questa scelta di boicottaggio si fa sentire, credetemi.

In primis, niente richieste assurde per Natale derivate dalle continue mitragliate di spot in cui tutto splende, scintilla e magicamente si anima da solo...
 Ma non c'era una legge che proibiva gli spot ingannevoli soprattutto rivolti ai minori, o sbaglio?

Abbiamo scelto assieme un dono, scritta la letterina e imbucata al solito posto ...

Cosa sarà?
Sarà...



Il Mio Primo Microscopio
Un laboratorio completo per le tue ricerche

Poi ci piacevano anche questi  sotto ma saranno per la prossima occasione...

sabato 7 dicembre 2013

Sul finire dell'Autunno...

...mi rendo conto di aver passato pochissimo tempo qui.

E' stato un anno intenso, l'arrivo del nuovo piccolo amore in famiglia,  la conseguente riorganizzazione dei ritmi della nostra vita, i pensieri per la nuova casa, il mio rientro al lavoro e così via.

Non ho perso l'interesse di tenere questo "diario pubblico" perchè mi piace ancora.

E' stata solo una spontanea riorganizzazione del mio tempo libero personale che,  fra le bimbe, le normali faccende domestiche e il lavoro, si è leggermente "ristretto", ma senza dispiacere.

Il tempo per fare ciò che mi va, in fondo, lo trovo sempre.

E, per questa volta, con 3 libri da leggere sparsi in giro per la casa, lavori a maglia da finire, volontariato pro scuola materna, impegni vari per finire la nuova casa, e sopratutto tempo tutto per noi, questa volta ha perso il Web!!

Ma non preoccupatevi, sto per tornare!!

Denise


Immagini dal nostro Autunno












sabato 2 novembre 2013

Primavera-Estate 2013

Quest'anno sono stata poco presente qui nel blog, principalmente per mancanza di tempo.
Ho dedicato poco spazio per raccontarvi ciò che più amo fare nel tempo libero e cioè stare fuori nella Natura con la mia famiglia.
Diciamo che ho avuto le braccia molto più occupate a sostenere il dolce peso dell'ultima arrivata in famiglia!

Ma non ci siamo di certo presi indietro!

E qui ho scelto e postato alcune immaginì, in ordine sparso, dalla Primavera all'Estate, dell'orto e dei dintorni della futura casa, luoghi che  abbiamo fatto nostri e che ormai sono già casa nostra anche se non totalmente nella pratica.
...
Ecco uno dei motivi per cui sarà bello vivere quassù piuttosto che laggiù,
Lungo la strada.

In Agosto c'è stata una trementa grandinata, che ha preso questa zona a fasce, in particolare ha beccato la zona del nostro orto, distruggendo tutto!
Nel mio orto effettivamente c'era poco, quindi la perdita per me e stata poco sofferta.

Grandinata di Agosto 2013

Quest'anno ho avuto pochissimo tempo per l'orto, solo pochi ortaggi e di quelli che necessitano di poche cure! I pomodori hanno cominciato a matura solo a metà Agosto.

Pomodori 2013

Il problema dell'asparagiaia sono le infestanti che la soffocano tantissimo!

Asparagiaia

Pratoline

A volte lasciar crescere ed andare a fiore alcune piante dell'orto può essere una cosa interessante da osservare, ma anche utile.
Per esempio questa pianta di cavolo di bruxelles ha rallegrato l'orto ad inizio Primavera con i suoi fiori gialli. Inoltre ha fornito il primo polline a vari insetti.

Ma soprattutto, ed è stata la cosa più interessante, ha attirato su di se le cimici, che qui sono rimanste un bel pò invece di infestare le nuove piantine di crucifere qualche aiuola più in là.




La grandinata di Agosto





La spirale di aromatiche vi ricordate? Qui e qui


L'aiuola con le piante di zucchino e là in fondo la pianta di cavolo di bruxelles in fiore.


Ed ora siamo pronti per affrontare una nuova stagione fredda!

A presto!!


domenica 27 ottobre 2013

Storia universale

In principio la Terra era tutta sbagliata, renderla più abitabile fu una bella faticata.
Per passare i fiumi non c'erano ponti.
Non c'erano sentieri per salire sui monti.
 Ti volevi sedere? Neanche l'ombra di un panchetto. 
Cascavi dal sonno? Non esisteva il letto.
Per non pungersi i piedi, né scarpe nè stivali. 
Se ci vedevi poco non trovavi gli occhiali. 
Per fare una partita non c'erano palloni: mancava la pentola e il fuoco per cuocere i maccheroni,
anzi a guardare bene mancava anche la pasta. 
Non c'era nulla di niente. 
Zero via zero, e basta. 
C'erano solo gli  uomini, con due braccia per lavorare, e agli errori più grossi si poté rimediare. 
Da correggere però ne restano ancora tanti: 
rimboccatevi le maniche, c'è lavoro per tutti quanti!

Tratto da "Favole al telefono" Gianni Rodari Einaudi Ragazzi

Una sera, era tardi, la bimba doveva essere già a letto da un pò, però come al solito mi chiede: "dai mamma leggimi un a storia, una sola, ti pregooo". 
Quindi mi tocca, anche perchè spesso e volentieri non so dire di no. 
Allora la condizione fu: "va bene purchè sia una corta"
E allora ancora, mi metto a spulciare fra le pagine dei sette, otto libretti che di solito prendiamo in biblioteca.
E così salta fuori questa.
Non la conoscevo e appena finita sono rimasta li in silenzio, una rilettura veloce a mente.
Però, poi, non c'è stato tanto spazio, tante riflessioni, e discussioni, era tardi, era ora di dormire e c'era qualcuno che non ne voleva sapere, ne voleva ancora, di storie.

Però mi è rimasta in mente e l'ho voluta riportare qui.

E a voi piace?

A cosa avete pensato appena l'avete letta? 

Secondo me offre un sacco di spunti!



Favole al Telefono

domenica 29 settembre 2013

La soglia di casa


Ohhh, questo si, mi sembrava un buon punto da cui riprendere il filo del discorso.

Un evento che valeva la pena di fermare.

A parte la difficoltà della posa con circa 2 quintali di marmo, questo piccolo spazio, questo trapezio irregolare è la soglia per entrare nella nostra nuova casetta.

Un passaggio, un varco per cui entreremo, in un luogo famigliare, solo nostro, in cui saranno racchiusi eventi, unici, nostri, da ricordare: la nostra vita!!

Un piccolo spazio, in cui si starà solo un attimo, oppure si aspetterà a lungo qualcosa o qualcuno, chi lo sa.
Ci passeremo sopra a volte esitanti, a volte di corsa, con mille o senza alcun pensiero...

E intanto aspettiamo anche di poggiare, finalmente, i piedi sui pavimenti posati e di vedere porta e finestre installate.



lunedì 9 settembre 2013

Non ti svezzo perchè, per me, non è un vezzo!!

Io mi Svezzo da Solo
Dialoghi sullo svezzamento
A casa in maternità, tutta presa dal mio nuovo amorino, cosa volete che legga??

A parte gli scherzi, con la seconda maternità si parte un pò avvantaggiati, un pò più preparati e con meno paturnie intorno. Almeno questo è successo a me!

Ma arrivo al punto, dato che avete già capito l'argomento.

Innanzitutto questa volta ho abbracciato e seguito il  metodo dell'allattamento a richiesta, quindi assolutamente niente fissa degli orari  per le poppate, della serie vuoi "tetta"? Eccola!
Questo per me è stato il metodo migliore e mi ha garantito di avere latte fino ad oggi.

Poi alla visita pedriatrica del sesto mese, tutto ok, e ovviamente il medico mi indica di sostituire la poppata del mezzogiorno con la prima "sbobbetta" da svezzamento.

Mia risposta:  "Si, si, ok. Arrivederci. Grazie."

Mentre fra me e me penso:  "Si, si, ma tanto faccio come voglio io!"

Allora questo libricino, che si legge veloce, veloce, per me è stato solo la conferma, di ciò che in realtà ero già convinta fosse giusto fare.
Anche con la prima bimba l'istinto mi avrebbe portato su quella strada, ma complice l'inesperienza, un pò ho ceduto!

In breve: allattamento esclusivo fino al sesto mese.
Dal sesto mese, piano, piano assaggi di un pò di tutto!
E soprattutto: niente liofilizzati, omogeneizzati, farine precotte ecc. ecc. ecc.

Chiaro che: l'alimentazione famigliare deve essere, per forza, sana ed equilibrata in partenza, e i bocconcini adatti ad un "senza denti", al resto nessun limite tranne quello dettato dal buon senso e dall'istinto materno-paterno.

Risultato: quasi otto mesi di vita e si pappa di tutto, praticamente quasi tutto quello che mangiamo noi, a tavola con noi nel suo seggiolone. Con le sue manine porta tutto alla bocca, bocconcini adatti a lei. Da notare che ancora non è spuntato alcun dentino, però le gengive sono molto dure e mastica molto bene.
Le poppate da mamma continuano senza interruzione, ogniqualvolta ce ne sia necessità, senza nessuna forzatura da entrambe le parti.

Condivido pienamente l'opinione dell'autore del libro: l'allattamento è, e deve rimanere, un momento privato fra madre e figlio ed anche i pediatri dovrebbero smettere di metterci il naso! 

Inoltre sono convinta che l'allattamento che è vita, amore e nutrizione per un figlio non possa trasformarsi improvvisamente in un vizio da togliere tassativamente a partire da una certa data e da un certo orario!

La mia esperienza finora è stata molto positiva, anche se con alcuni attriti e/o incomprensioni o dubbi degli altri famigliari dettati, penso, solo da paure dovute a preconcetti inculcati per  anni e anni e faticosi da rimuovere.
Paure di soffocamento, difficoltà di digestione ecc. ecc. Ma in fondo basta solo informarsi un pò meglio su come realmente stanno e funzionano le cose!

Quindi per noi niente SVEZZAMENTO ma piuttosto ALIMENTAZIONE COMPLEMENTARE, con buon senso, fino a data da destinarsi!

Baci baci da Denise.



sabato 7 settembre 2013

Facciamo una casetta?


Un giorno la mamma adocchia dei grandi scatoloni che gli idraulici stanno per buttare via e si lancia di corsa prima che sia troppo tardi: "Posso prenderli questi?"

"Dai, facciamo una bella cassetta?"
"Siiii!!! Yuppi!!!!"

Taglia qui, taglia li, un pò di scotch qua, un pò là. E poi via di pittura!
Entra dalla porta, esci dalla finestra.

Facciamo la cassetta per le lettere, scriviamo una lettera, ecco il postino!

E i fiori? Facciamo pure quelli. Mettici anche un pò di erbetta!

Di che colore la fai?  Ma rosa naturalmente!!! (Uff, con sto rosa, pensa mamma)

Una mattinata di lavoro ed ecco il risultato.


Vuoi mettere la soddisfazione del proprio lavoro rispetto ad un acquisto prefabbricato?
E poi, chiamare tutti, per mostrare il frutto del proprio duro lavoro?

Certo, la durata di alti materiali non ha confronti, però, spesso, l'interesse per i giocattoli dura poco anche perchè, purtoppo, oggi se ne possiedono veramente troppi.

Aggiungo anche che, il più delle volte, i bambini vogliono giocare con noi, quindi per me vale la regola "pochi giochi ma buoni" e meglio trovare un pò di tempo per sedermi per terra a giocare.
Anche se, lo so, è difficile e spesso rispondo a mia figlia: "adesso non posso".

La "costruzione" della casetta è stato un bel momento trascorso assieme, un bel momento da ricordare.





giovedì 5 settembre 2013

Ehilà! Rieccoci qua!


Un mese di blog astensione e non solo...

Un mese di off line da internet, TV, società, un mese trascorso lassù dove fra un pò sarà la nostra nuova casa.

Accampati alla meglio in casa senza serramenti, ma tanto era caldo, e senza acqua calda: quanta acqua si risparmia a lavarsi con l'acqua fredda!!!!

Un mese per la famiglia,
per lavori vari per la casa,
per riposo, 
per giocare,
per leggere,
per chiedersi che tempo che farà,
per stare sempre fuori all'aria aperta,
per andare in altalena per asciugarsi i capelli bagnati,
a piedi nudi, 
a sporcarsi e non farci caso,
in cerca di un posto per veder meglio le stelle di notte
e poi ascoltare le cicale e cavallette e chiedersi se vanno avanti così tutta la notte,
momenti  per discutere,
per annoiarsi,
per starsene in silenzio, 
per andare in crisi, 
per dimenticarsene, il giorno dopo, e rivedere tutto di nuovo bellissimo.

Un periodo passato in un lampo, come il mio periodo di astensione dal lavoro per maternità che ormai è agli sgoccioli e purtoppo fra un pò si ricomincia a lavorar, dietro una bianca scrivania...Sigh!

A presto!!

Denise


sabato 3 agosto 2013

Piccolo orto...

La magia di un piccolo orto è che, anche se quest'anno lo lascio praticamente abbandonato a se stesso, riesce quasi sempre a donarci, giorno per giorno, quanto basta per nutrirci corpo e... spirito!!




sabato 20 luglio 2013

Erbette spontanee

Bellissimo questo volume che sto consultando in questi giorni! La descrizione di sessanta piante ed erbe selvatiche e tantissime ricette semplici da provare.

Ma, per me, la parte più interessante è gironzolare qua e là cercando di riconoscere quelle che non conoscevo e spesso ritrovarle semplicemente fra quelle considerate erbacce dell'orto!

L'autrice è una vera esperta e veterana di erbe selvatiche commestibili e, giustamente, sconsiglia vivamente di raccogliere e consumare erbe di cui non siamo totalmente sicuri.

Alcune già le conoscevo bene, mentre di tante altre ora sono felice di conoscerne il nome e salutarle quando le incontro lungo i sentieri e, poi, di insegnarle a mia figlia!

Consiglio di dare una sguardo al libro soprattutto per le foto molto belle dei vegetali, indispensabili per capire di che pianta si tratta, per il confronto con un eventuale campione raccolto.




La Mia Cucina con le Piante Selvatiche
Riconoscere, raccogliere e cucinare le erbe spontanee
Voto medio su 1 recensioni: Da non perdere

domenica 14 luglio 2013

martedì 9 luglio 2013

Economia felice partendo dalla famiglia

Una buona e semplice lettura che ha servito, innanzitutto a me, per capire meglio alcune cosine tecniche riferite all'economia e  di ottima utilità per spiegarle semplicemente ai bambini.


Perchè, se devo insegnare o trasmettere qualcosa di utile, devo avere e idee chiare io per prima e spesso oggigiorno non è così facile!! In fondo, siamo in un periodo di grandi cambiamenti!

A volte, cerco di mettermi nei panni di una bambina di cinque anni che spesso sente discutere di politica, del mondo del lavoro, di soldi, di problemi di vario genere, di decrescita, di ecologia, del mondo in crisi ecc ecc.

E mi chiedo: cosa le passa in testa, chissà se si fa delle domande?
Magari un giorno di questi ci mettiamo in discussione...

Beh.. Poi non è che stiamo sempre e solo a parlare di cose negative, ci tengo a dirlo.



Comunque, nel frattempo di questo periodo di pausa dal blog, qua tutto va bene !!

L'orto quest'anno fa schifetto, un pò perchè non ho avuto tempo di curarlo, questa stagione è andata così!
La nostra piccolina cresce e sta bene, e anche la grande: crescono così in fretta uffa!!

La nostra nuova casetta sta progredendo fra alti e bassi, aggiornamenti prossimamente!!

A presto!!

Denise

venerdì 31 maggio 2013

Verde di mattina...


No, in questo caso non sto parlando del colore cielo, (come citano alcuni proverbi tal "rosso di sera o mattina"...)  Ma come avrete potuto capire dalla foto sopra di Tè o Thè verde.

Recentemente  in famiglia abbiamo sentito l'esigenza di variare un pò la nostra alimentazione mattutina. Premetto che per noi la colazione è un momento quasi "sacro", non sempre riusciamo a consumarla tutti assieme per motivi di lavoro ma non la saltiamo mai.

Finora l'elemento principale era costituito dal latte vaccino, consumato, direi, in notevoli quantità da tutti. 
Per questo abbiamo sentito la necessità di provare a sostituire questo alimento, per svariati motivi, di cui però non mi soffermerò a parlare in questo post.

Quindi  da un pò di tempo, noi adulti di casa, abbiamo sostituito il latte con il Thè Verde  e quindi mi sono un pò documentata su questa molto nota bevanda.

E' una bevanda molto antica e di origini cinesi consumata per secoli in varie regioni asiatiche e si ottiene utilizzando per infusione le foglie di Camellia sinensis.

In Cina si producono almeno mille varietà di Tè e per almeno la metà si tratta di varietà di Tè verde diversi che prendono nome dal luogo in cui crescono e differiscono fra loro in base alle caretteristiche dell'ambiente in cui crescono le piante, condizioni climatiche, altitudine, coltivazione, raccolta e lavorazione.
Ci sono poi Tè verdi giapponesi, indiani, vietnamiti, dal Brasile, dall'Indonesia.
Ahimè, però spesso il Tè che si acquista non indica però la provenienza precisa...
Consiglio magari un prodotto Equo solidale  di cui possiamo verificare provenienza e modo di produzione.

La varietà più conosciuta e diffusa nel nostro mercato probabilmente è il Gunpowder dalla caratteristica lavorazione delle foglie appallottolate come nella foto sopra.

 Anche di Thè verde in passato se n'è parlato molto. Si sa quando scoppia una "moda" tutti a parlarne e a sfruttane l'oggetto in mille modi anche non troppo corretti e/o veritieri. Ad esempio non so quanto tè verde ci possa essere nelle fantomatiche "bibite" in bottiglia di plastica al supermercato...

Certo è che, di buono, c'è veramente qualcosa nel Thè verde, quello vero.  

 L'azione positiva principale è data dall'alto contenuto di Polifenoli titolati in EGCG (Epi-Gallo-Catechina-Gallato) l'azione più "forte" è svolta dalle Catechine polifenoliche, che sono potenti anti-ossidanti che neutralizzano i radicali liberi. (Fonte: Diventa medico di te stesso di Giuseppe Nacci). 
Ci sono degli studi, quindi verificabili, che hanno dimostrato l'efficacia degli EGCG come anti-ossidanti, detossificanti, interferenti presso gli agenti cancerogeni. 

Inoltre il Thè verde è anche un antiaggregante piastrinico in parole povere agisce con un meccanismo paragonabile a quello dell'Aspirina, cioè fluidifica il sangue.

Una nota importante nella preparazione: non deve essere fermentato, va lasciato in infusione in acqua bollente (ma non in ebollizione quindi a fuoco spento)  per non più di 3-5 minuti.

Tenendo conto che il nostro corpo comincia a depurarsi prestissimo la mattina fino massimo tarda mattinata è meglio assumerlo la mattina presto appunto

Noi, a colazione, lo affianchiamo con biscotti, frutta, cereali, miele.

E voi lo bevete, vi piace?  Ne conoscete altre proprietà benefiche o anche negative?
Magari avete la pianta?

Fatemi sapere!!

Alla prossima!

Denise









mercoledì 29 maggio 2013

Codirosso



Vi ricordate le casette per uccelli che abbiamo fatto? Queste QUI.

Finalmente quest'anno hanno dato ospitalità a qualcuno! E dopo qualche minuto di appostamento, il posizione seminascosta, ecco arrivare l'inquilino. Velocissimo si infila nel foro e velocissimo riparte.

Si tratta del CODIROSSO che in questo periodo si sta occupando della prima covata della stagione e fa la spola, avanti e indietro per nutrire i piccoli.


Posizionamento della casetta sul nocciolo
Ora speriamo che anche la BAT HOUSE possa fornire presto rifugio diurno ad un utile pipistrello!


venerdì 24 maggio 2013

Mammabook: …una mamma green?


Vale la pena di fare un giretto e una bella sosta al blog di Silvia Mammabook
che anche quest'anno ha organizzato questa bellissima raccolta di progetti e idee per un sacco di cose riciclose e per bambini.

E con l'occasione leggere il nostro post:

Mammabook: …una mamma green? (guest post di Pachamama): Ormai avrete capito che non scelgo le mie ospiti (solo) perché mi stanno simpatiche, ma che lo faccio perché ognuna di loro per me rappr...

lunedì 13 maggio 2013

La bellezza dei fiori spontanei


Esultanza festosa della Natura

Ornitogallo - Stella di Betlemme


Geranio selvatico

Occhi della Madonna - Myosotis


Tarassaco - Dente di leone


fiori spontanei nel campo vicino all'orto


venerdì 26 aprile 2013

Muffin veloci!


Come al solito sono per le ricette facili, veloci e la cui preparazione sporchi la cucina il meno possibile!

E poi preferisco le ricette che si possono fare facilmente con i bambini. 

E questa, per fare dei sofficissimi MUFFIN, è proprio ideale perché gli ingredienti vengono messi tutti  in una terrina e poi si impastano con il frullino.
Più semplice di così!

E poi c'è il divertimento di mettere l'impasto ottenuto nei pirottini, si decora a piacimento e poi via in forno!

Vi lascio sotto la ricetta originale e le mie solite modifiche agli ingredienti.

A proposito ma "Muffin" in italiano come lo diciamo? Focaccina? 



Ricetta
Unità di misura utilizzata vasetto di jogurt ( ma lo jogurt non fa parte degli ingredienti!)

Ingredienti:
2 uova
1 vasetto + un dito di zucchero
3 vasetti + un dito di farina
1 vasetto + un dito di latte
1 vasetto + un dito di olio di semi
1 bustina di vanillina
1 bustina di lievito
limone grattuggiato

Ingredienti con modifiche personali:
2 uova 
1 vasetto di zucchero di canna integrale (Panela)
3 vasetti di farina integrale biologica mista
1 vasetto + un dito di latte
mezzo vasetto di olio extra vergine di oliva
1 bustina di lievito vanillinato

Tutti gli ingredienti in una terrina e impastare con frullino tipo frusta. Versare l'impasto negli stampini per muffins e guarnire a piacere (granelli di zucchero, gocce cioccolato ecc ecc)

Lasciare riposare giusto il tempo che il forno si scaldi a 150 - 170°

Tempo di cottura : 15 minuti

Posizionare nel punto più alto del forno, praticamente sotto le resistenze del forno elettrico.

Mmmmm che profumino!!




venerdì 19 aprile 2013

Finalmente Primavera vera?


In questi giorni qui ci sono state temperature estive, finalmente è arrivato il bel tempo! La natura si è risvegliata alla grande!  Anche il mio naso se n'è accorto, la mia allergia stagionale è cominciata.

Peccato che, per il fine settimana, le previsioni dicono che nuove burrasche sono in arrivo, perfino neve in montagna, ancora!
Il lato positivo sarà ovviamente un sollievo dalla rinite allergica!

Abbiamo iniziato a metter mano all'orto! Lattuga, porri, cipolle, piselli.

Il terreno però si è riempito di arvicole! Ci sono buchi ovunque!! Purtroppo è uno dei svantaggi della pacciamatura che la scorsa stagione ha creato un ambiente ideale, calduccio e protetto. E adesso, chi se ne libera? L'anno scorso ci hanno fatto fuori tutti i carciofi!


La ristrutturazione della nostra futura casetta prosegue, non senzapensieri e difficoltà. Prossimamente vi aggiornerò sull'andamento dei lavori.


Nel frattempo mi godo il mio bellissimo periodo di maternità a casa!

A presto!

Translate

Post piu letti nell'ultima settimana

Qualche post dal passato...