Cerca nel blog

domenica 27 ottobre 2013

Storia universale

In principio la Terra era tutta sbagliata, renderla più abitabile fu una bella faticata.
Per passare i fiumi non c'erano ponti.
Non c'erano sentieri per salire sui monti.
 Ti volevi sedere? Neanche l'ombra di un panchetto. 
Cascavi dal sonno? Non esisteva il letto.
Per non pungersi i piedi, né scarpe nè stivali. 
Se ci vedevi poco non trovavi gli occhiali. 
Per fare una partita non c'erano palloni: mancava la pentola e il fuoco per cuocere i maccheroni,
anzi a guardare bene mancava anche la pasta. 
Non c'era nulla di niente. 
Zero via zero, e basta. 
C'erano solo gli  uomini, con due braccia per lavorare, e agli errori più grossi si poté rimediare. 
Da correggere però ne restano ancora tanti: 
rimboccatevi le maniche, c'è lavoro per tutti quanti!

Tratto da "Favole al telefono" Gianni Rodari Einaudi Ragazzi

Una sera, era tardi, la bimba doveva essere già a letto da un pò, però come al solito mi chiede: "dai mamma leggimi un a storia, una sola, ti pregooo". 
Quindi mi tocca, anche perchè spesso e volentieri non so dire di no. 
Allora la condizione fu: "va bene purchè sia una corta"
E allora ancora, mi metto a spulciare fra le pagine dei sette, otto libretti che di solito prendiamo in biblioteca.
E così salta fuori questa.
Non la conoscevo e appena finita sono rimasta li in silenzio, una rilettura veloce a mente.
Però, poi, non c'è stato tanto spazio, tante riflessioni, e discussioni, era tardi, era ora di dormire e c'era qualcuno che non ne voleva sapere, ne voleva ancora, di storie.

Però mi è rimasta in mente e l'ho voluta riportare qui.

E a voi piace?

A cosa avete pensato appena l'avete letta? 

Secondo me offre un sacco di spunti!



Favole al Telefono

2 commenti:

  1. Mi piace moltissimo Gianni Rodari perchè in parole molto semplici affronta argomenti che alcune volte possono sembrare difficili.
    Buona settimana!

    RispondiElimina


Translate

Post piu letti nell'ultima settimana

Qualche post dal passato...